Qual è la differenza tra un sistema di sicurezza professionale ATM-Domotic e un sistema d'allarme a basso costo


La Decisione

Una volta presa la decisione di proteggere la tua abitazione o il tuo ufficio, dovete fare una scelta: usare un sistema di sicurezza professionale o affidarvi a un più economico sistema d’allarme.
Senza scendere nei dettagli, le differenze appaiono insignificanti e qualsiasi impianto di allarme sembra in grado di svolgere con successo le sue funzioni di protezione. Ma la decisione può causare numerosi problemi.
I rilevatori sono suscettibili ai falsi allarmi oppure non sono in grado di rispondere alle minacce reali.
Possono inoltre smettere di funzionare all’improvviso, senza inviare alcun avviso di malfunzionamento del sistema.
Il raggio di comunicazione radio è appena sufficiente per coprire l’intera area e la connessione si interrompe costantemente.
L’app non funziona correttamente.
La struttura che dovrebbe essere protetta e i tuoi cari è lasciata completamente scoperta ed ed esposta agli attacchi di intrusi.
Per aiutarti a fare la scelta giusta, abbiamo elencato i requisiti fondamentali che contraddistinguono un sistema di sicurezza affidabile.
Abbiamo inoltre evidenziato come i sistemi ATM-Domotic rispondano esattamente a tali requisiti.

1. Il sistema di sicurezza deve utilizzare diversi canali per comunicare con il mondo esterno

Il sistema di sicurezza deve essere in grado di usare vari canali di comunicazione per la trasmissione di allarmi all’utente e all’Istituto di vigilanza: 3G e Wi-Fi.
I sistemi d’allarme dotati di un solo canale di comunicazione non sono affidabili: se tale canale di comunicazione smette di funzionare per cause naturali, il sistema non sarà in grado di trasmettere l’allarme all’utente e all’istituto di vigilanza.
Ciò può verificarsi, ad esempio, se termini il credito disponibile sulla tua scheda SIM o in caso di malfunzionamento dei sistemi del fornitore di servizi.
Inoltre, tali sistemi d’allarme sono più facili da sabotare: basta una semplice inibizione delle frequenze GSM (se si usa una singola scheda SIM) o basta tagliare il cavo Ethernet (se si usa solamente una connessione a Internet cablata). Se invece un sistema di sicurezza è dotato di diversi canali di comunicazione, uno di essi è usato come canale principale mentre gli altri sono usati come canali di riserva.
Tali sistemi sono più affidabili, in quanto è più raro che vari canali smettano di funzionare simultaneamente e, anche in caso di guasto per cause naturali, il sistema continua a funzionare normalmente.
Più è elevato il numero di canali di comunicazione usati dal sistema, maggiori saranno le possibilità di comunicare tempestivamente eventuali minacce all’utente e all’Istituto di vigilanza. Un altro fattore da considerare è il tempo impiegato per passare da un canale di comunicazione all’altro.
Nei sistemi di allarme a basso costo, il processo può richiedere varie decine di minuti. Ma un furto in appartamento normalmente non dura più di 5-10 minuti.
Noi dell ATM-Domotic abbiamo anche pensato e costruito un modem in 4G ( con Sim non inclusa) completo di mini gruppo UPS per alimentare il modem in caso di mancanza di energia elettrica, quindi con questo sistema il ladro può tagliare i cavi sia dell'energia elettrica che quelli telefonici, ma il vostro allarme avrà sempre un efficienza del 100%.

Esempio




2. In che modo il sistema di sicurezza ATM-Domotic utilizza il servizio Cloud Iot

Di norma, il server cloud Iot rappresenta un ponte tra il pannello di controllo e l’applicazione per la gestione del sistema di sicurezza.
Esso permette all’utente di controllare tutti gli aspetti dell’impianto gestibili tramite Internet, anche se l’utente si trova a migliaia di chilometri di distanza dalla struttura protetta.
Inoltre, il server iot invia notifiche push con informazioni relative agli eventi di sistema e agli allarmi e importante sottolineare la chiamata senza Sim telefonica che il server iot emette in caso di allarme, fino 5 numeri ( da voi indicati)con chiamata in contempranea. Nei sistemi professionali, i server cloud Iot monitorano anche la connessione con i dispositivi di sicurezza e il loro stato di funzionamento tramite Iot del pannello di controllo.
Quanto più elevata è la frequenza di Iot, tanto più velocemente il server è in grado di rilevare la presenza di un problema e di avvertire gli utenti e l’istituto di vigilanza della situazione.
Oltre a essere in grado di controllare gli hub tramite applicazione e ricevere notifiche push, il servizio ATM-Domotic consente di visualizzare dati aggiornati relativi al sistema di sicurezza.
Il servizio comunica regolarmente (a intervalli che vanno dai 10 ai 300 secondi, in base alle impostazioni) con l’hub e aggiorna lo stato dei dispositivi sull' applicazione ATM-Domotic Se l’hub si disconnette, il servizio ATM Cloud Iot invia un allarme e una chiamata telefonica ( ripetiamo senza nessuna sim telefonica) agli utenti e all’istituto di vigilanza.

3. I dispositivi affidabili devono comunicare con il pannello di controllo in sicurezza

Nei sistemi di sicurezza wireless, lo scambio di informazioni tra il pannello di controllo e i rilevatori avviene tramite canale radio.
È necessario che la comunicazione sia estremamente affidabile poiché anche un’interruzione di breve durata produce effetti indesiderati (comporta un aumento del periodo di tempo necessario per trasmettere un allarme).
La perdita delle comunicazioni è invece completamente inaccettabile (il pannello di controllo e di conseguenza gli utenti e l’istituto di vigilanza non saranno al corrente di eventuali allarmi).
Di norma, i sistemi professionali operano a frequenze di 433 MHz o di 868 MHz e, per le comunicazioni tra il pannello di controllo e i rilevatori, utilizzano una banda di frequenza invece che una singola frequenza fissa.
Ciò consente al sistema di cambiare automaticamente la frequenza operativa in caso di interferenze accidentali o intenzionali.
Questa tecnologia è nota come frequency hopping o salti di frequenza che ATM-Domotic utilizza.

4. La comunicazione tra i dispositivi del sistema di sicurezza deve essere bidirezionale

La comunicazione tra i dispositivi di un sistema di sicurezza può essere unilaterale o bilaterale.
Nel primo caso, i rilevatori trasmettono allarmi e eventi di sistema al pannello di controllo; il pannello di controllo invece non comunica con i rilevatori.
Se un dispositivo smette di funzionare (a causa di un sabotaggio o di un malfunzionamento) o se la connessione si interrompe, il pannello di controllo non è al corrente della situazione.
Né l’utente né l’istituto di vigilanza verranno informati in caso di violazione della sicurezza.

Nei sistemi di sicurezza dotati di connessione bidirezionale, il pannello di controllo e i rilevatori si scambiano informazioni.
Il rilevatore continua a trasmettere l’allarme finché il pannello di controllo non conferma l’avvenuta ricezione.
In questo caso, non c’è alcun rischio che i dati vadano persi durante una breve interruzione della connessione.
Il pannello di controllo è in grado di modificare le impostazioni dei dispositivi e di controllarne la connessione e lo stato di funzionamento.
Il livello di affidabilità di un sistema con queste caratteristiche è nettamente superiore rispetto a quello di altri sistemi.

5. Il sistema di sicurezza crittografa i dati ed è a prova di sabotaggio

I dati trasmessi dai rilevatori al pannello di controllo e viceversa devono essere criptati e protetti dai tentativi di sabotaggio.
Ciò permette di evitare la disabilitazione dei dispositivi, tra cui la disabilitazione del telecomando usato per gestire le modalità di sicurezza, che rappresenta il caso peggiore poiché permette agli aggressori di avere il controllo totale del sistema di sicurezza.
Per una protezione ottimale, il segnale radio deve essere criptato con un algoritmo complesso; se si usano algoritmi rudimentali, sarà più facile attaccare il sistema e avere accesso alle opzioni di amministrazione.
Ad esempio, per decifrare un algoritmo AES con chiave a 128 bit ci vogliono centinaia di anni; bastano invece pochi minuti e un code grabber per accedere a un sistema d’allarme che usa un algoritmo datato o rudimentale
Invece di affidarci ad algoritmi e soluzioni standard, utilizziamo soluzioni proprietarie.
Tutti i dati trasmessi sono crittografati con un algoritmo AES a chiave mobile.
Ogni dispositivo ATM-Domotic ha un codice di identificazione individuale e il protocollo fornisce un sistema di proprietà e di contrassegni per l’identificazione dei dispositivi.
Il sistema di sicurezza non può essere disinserito con un telecomando non collegato all’hub.
L’affidabilità di ATM-Domotic è confermata e i dispositivi del sistema di sicurezza hanno un livello di integrità di Grado 3.
Ciò significa che sono preparati a rispondere agli attacchi di aggressori esperti che utilizzano apparecchiature speciali.

ATM-Domotic

Tutta la vostra sicurezza e domotica si installa sulla nostra app ( scaricala su Play Store o Apple Store) e scoprirai un nuovo mondo.
Clicca sotto e scarica l'App.

Con Noi Vivi Sereno

ATM-Domotic